Cagliari – Lazio 1-2: partita “rubata” o giusto così?

C

Ci sono state molte polemiche per la partita vinta in rimonta, a tempo scaduto, da parte della Lazio contro il Cagliari in Serie A. I goal laziali sono arrivati al 90+2 e 90+8, con un arbitro Maresca che ha dato 7 minuti di recupero.
Le domande sono: giusto dare i 7 minuti di recupero? Giusto non fischiare dopo che il 7′ era scaduto? La Lazio è stata inconsciamente un po’ aiutata dagli arbitri in questa partita?

17 commenti

  • Credo ci sia stato un favoritismo per la Lazio nel concedere così tanti minuti di recupero, ma senza malafede, una sorta di inconscio rispetto verso una squadra che poteva essere, ed ora lo è ufficialmente, una pretendente per lo scudetto.
    L’esame Cagliari per la Lazio era importante e non lo aveva superato, i sardi hanno sfiorato il 2-0 più volte, poi alla fine è arrivato un pareggio che avrebbe allontanato la squadra di Lotito dalla lotta scudetto. Concedere 7 minuti di recupero mi è sembrato eccessivo.
    Sì, è vero, si potrebbe dire che in termini di regolamento l’arbitro è stato fiscale e ha dato tutto quello che si poteva dare, ma quante volte questo non avviene?
    Quante volte ad esempio la VAR blocca il gioco per 5 minuti e poi il recupero è solo di 3 minuti?
    Ieri non c’è stata nemmeno la VAR e se proprio vogliamo parlare di arbitro fiscale, perché non è stato altrettanto fiscale nel fischiare al 97′? Perché ha concesso quel minuto in più fatale per il Cagliari?
    In ogni caso qualcosa ha funzionato male nella gestione del recupero da parte di Maresca, la classe arbitrale dovrà fare un esame di coscienza su questa partita.

  • La Lazio è stata favorita, secondo me erano 5 i minuti da dare di recupero. Tuttavia bisogna dare merito al carattere della squadra romana che ci ha creduto davvero fino all’ ultimo secondo e un demerito al Cagliari che poteva chiuderla abbondantemente in tempo se non si fosse divorata quei goals clamorosi in contropiede. Peccato davvero oggi però Maran dovrebbe essere amareggiato si’ con l’ arbitro ma soprattutto dovrebbe essere arrabbiatissimo con la squadra, non si butta via una partita del genere potrebbe dare un colpo forte al morale in un momento in cui le cose andavano benissimo e segnare una svolta negativa che incide sul campionato intero. Spero di no perché è una bella sorpresa il Cagliari di quest’ anno e vorrei che lottasse per entrare nelle competizioni europee.

  • pubblicizzare la serie A come il campionato più equilibrato d’Europa.
    7 minuti di recupero senza utilizzo della VAR e ulteriore minuto di recupero nel recupero, dopo il golden gol della Lazio ha fischiato, cartellini solo per il Cagliari…
    Considera che alla VAR c’era l’arbitro di Sassuolo Cagliari ( voto 4 ) di domenica scorsa…
    Il Cagliari non arriverà in Europa, ma almeno non rovinate i sogni con delle pagliacciate della lega…
    Consideriamo che la lega ha confermato le 4 giornate a Olsen e il Cagliari sta giocando con il terzo portiere, quante volte confermano le giornate ? la normalità e che dopo l’appello tolgono una giornata

    • In merito alle giornate di squalifica “scontate” in realtà mi sembra che da questa stagione siano tornati ad essere un po’ più seri. Anche Ribery pur avendo ben tre giornate per una mezza spinta al guardalinee a fine partita non ha avuto sconti. Da una parte meglio così, il fatto di fare gli sconti di squalifica rendeva le punizioni meno efficaci.

  • Ciao Giulio e a tutta la community Qsc
    la partita l’ho vista tutta dal primo all’ultimo secondo.
    il cagliari ha creato e sciupato molte occasioni (già nel primo tempo poteva chiudere 2-0)
    nel secondo tempo dall’80’ in poi sono vistosamente calati (non ne avevano piu’ nelle gambe) anche se in due occasioni avrebbero potuto segnare in contropiede.
    perdere all’ultimo secondo dopo che sei stato in vantaggio per 90′ minuti brucia ma il cagliari ha vinto in casa con la sampdoria proprio allo stesso modo, dopo che al 75′ perdeva 1-3 e il 4-3 è arrivato all’ultimo secondo dell’ultimo minuto di recupero.
    in quell’occasione Ranieri, gran signore, aveva ammesso che la squadra era nettamente calata e aveva mollato. Maran in questa occasione dovrebbe forse fare autocritica per aver fatto tardi i cambi.
    i 7 minuti di recupero non sono eccessivi. si calcolano 30 secondi a sostituzione + 30 secondi ogni volta che entra il massaggiatore. ci sono stati 5 cambi (prima del 90′) e il massaggiatore è entrato piu’ volte per entrambe le squadre. inoltre il recupero è stato allungato di altri 30′ proprio per una sostituzione del cagliari avvenuta nel recupero. brucia perdere al 98′ ma se ironadrian aveva pronosticato over 2,5, proprio over 2,5 doveva finire 😀
    riconosciamo il merito a questa lazio che è l’unica squadra ad essere riuscita finora a battere la juve, e con una rosa non ai livelli di juve e inter sta tenendo vivo e aperto il campionato. chissà che non riesca anche in gara unica nella supercoppa a ribattere la juve
    un caro saluto a tutti e ricordo che tifo Inter

  • In realtà non ho visto la partita, quindi non saprei dire se fossero giustificati i motivi dei 7 minuti di recupero, pertanto posso solo dire ai tifosi del Cagliari che capisco la loro delusione ritrovandosi a fine partita con zero punti guadagnati, mentre per la Lazio 3 punti guadagnati non so se onestamente. In Italia purtroppo il calcio lascia a mio parere molto a desiderare nel senso che che le squadre big hanno sempre avuto un occhio di riguardo in più, probabilmente il campionato sarà più interessante in quanto ci sono 3 squadre che in questo momento possono lottare per lo scudetto, anche se alla fine penso che solo Inter e Juve possano arrivare fino alla fine per contendersi il campionato. Finalmente dopo diversi anni il campionato in Italia ci sta dando il gusto di vedere una situazione di un certo equilibrio e di poter assistere ad un torneo con un certo equilibrio e non noioso come gli ultimi anni, dove la Juve ha fatto da padrona senza avere degli avversari degni di nota.

    • Personalmente sono contrario al tempo effettivo, amplificherebbe il problema del continuo spezzettamento della partita che già stiamo vedendo ora con la VAR. Già la VAR ha aumentato i minuti di recupero, con il gioco effettivo avremmo partire di 2,30 invece che 2 ore, ma soprattutto non sarebbe più calcio, sarebbe un altro sport. Almeno che non lo chiamiamo “calcio americano” sulla stessa stregua del “football americano”.

  • mha.. per fortuna la Lazio ha segnato altrimenti starebbero ancora in campo :-), a parte la battuta credo che l’arbitro sia andato un po’ nel pallone, o si cambiano le regole e si introduce il recupero stile basket altrimenti casi del genere scateneranno sempre polemiche.

  • Ciao, premetto che sono di parte, quindi è possibile che quello che dico possa essere inficiato dalla passione biancoceleste, ma tant’è.
    Considerare il rispetto del regolamento come una concessione inconscia alla Lazio., solo perchè non succede spesso? Liberi di farlo ovviamente, ma allora tutto è lecito. Si dovrebbe allora anche definire qual’è il limite tra il buonsenso invocato dal presidente del Cagliari ed il fiscalismo di cui viene accusato Maresca. Ma una volta che lo hai definito, scontenteresti il cagliaritano o il laziale, a seconda di dove lo andresti a porre.
    Non basterebbe stabilire che i 7 minuti, per regolamento, non solo sono giusti, ma sono addirittura anche pochi, come rilevato ieri dai cronisti Sky, che si sono messi a contare i minuti – chissà se lo avrebbero fato con juve, milan o inter – ? 5 interruzioni, da regolamento, richiedono 1 minuto ad interruzione. 6 cambi, di cui 2 fatti insieme, sono 30 secondi a cambio, quindi altri 2 minuti e mezzo. L’arbitro quindi conteggia 7 minuti e mezzo, che diventano 7 minuti di recupero. Il gol durante il recupero richiede altri 30 secondi di recupero. Il gol viene segnato al minuto 97 e 27 secondi. Tutto nei termini di regolamento, come riconosciuto anche dal presidente del Cagliari. Mi dà fastidio, da laziale, che si voglia far passare un fatto regolare come un furto. Un furto sportivo forse? Beh, il Cagliari poteva e doveva chiudere il match prima, ma la Lazio non ha mai smesso di cercare il pareggio, nonostante la scarsa vena dei cosiddetti 4 big. E voglio sottolineare una differenza: dal pareggio in poi, quando Rafael bloccava il pallone, lo teneva perdendo tempo, quando invece Strakosha bloccava il pallone riavviava immediatamente l’azione. Questa è stata la differenza : una squadra che con la voglia ed il carattere – una voglia ed un carattere che sono la vera novità di questa squadra quest’anno – si è meritata la buona sorte che ha avuto. Tutto il resto è fuffa.

    • Sulle televisioni bisogna dire che tendono ad essere sempre dalla parte del più forte, probabilmente si fanno influenzare dal discorso “bacino di utenza”. Scontentare i tifosi cagliaritani per loro è meno peggio che scontentare quelli della Lazio.
      In merito al discorso fiscale, rimane il fatto che il goal è arrivato un minuto dopo i 7 minuti: o è sempre fiscale o non lo è mai, per gli stessi motivi da te giustamente spiegati.

  • Buongiorno a tutti e a te Giulio, la partita Cagliari-Lazio l’ho vista tutta il cagliari a sciupato tanto poteva vincerla, i minuti di recupero sono stati eccessivi ma secondo me il tempo in + che si ha poteva favorire sia la lazio che il cagliari, quindi non penso che sia stata aiutata la lazio l’arbitro può dare anche 30 minuti di recupero ma se si è concentrati sino alla fine il risultato non sarebbe cambiato, oltretutto la lazio è forte secondo me ma non vincerà lo scudetto, perche se arriverrano degli infortuni non ha dei sostituti al livello della Juventus che secondo me resta la superfavorita.

  • Io non capisco perchè ancora nel 2019 stiamo a parlare di queste cose semplicemente perchè non si è implementato il tempo effettivo che in sport ahimé piu’ evoluti è stato implementato da tempo. Mi chiedo io ma ci vuole cosi tanto per fare questo NECESSARIO cambiamento? cosi finirebbero un’altra bella fetta di inutili discussioni e polemiche. Finirebbe il “circo” di tutti quei giocatori che “svengono in campo” con finti infortuni, finirebbe il “circo” di quei giocatori che perdono tempo intenzionalmente. Si rilasserebbero gli animi dei giocatori avversari e non si sentirebbero inutili “ululati” e fischi sugli spalti. Capisco alcune pressioni politiche di grandi club contro il cambiamento. Ma il cambiamento è insito nel mondo. Vi chiedo, tra 30 anni secondo voi ci sarà il tempo effettivo o no? certo che si!!! E allora perchè non “svegliarsi” prima e implementarlo subito? nei prossimi anni? anzichè alimentare polemiche, aggressività e perfino odio dando l’incentivo a comportamenti furbi e scorretti? dando l’incentivo a sudditanza psicologica? E’ ora di voltare pagina con questo tema!

    • Ciao Marco, ho già avuto modo di criticare il tempo effettivo nel commento di KGFBerto, credo che trasformi il calcio in un’altra cosa. Inoltre non credo che i giocatori smetterebbero di buttarsi a terra, in quanto quella è una tecnica per fermare il gioco e il ritmo degli avversari non solo per perdere tempo. Quindi tu immagina se ora si buttano, dopo lo faranno ancora di più perché potranno dire “tanto poi recuperi” e stare magari due minuti a terra invece che trenta secondi. A quel punto non solo avremmo uno sport che non è più il calcio, ma avremmo partite immense. La continuità del gioco è un fattore importante e il tempo effettivo, così come la VAR, l’ammazzano.

      • Ciao Giorgio,
        capisco il tuo discorso. Ma ogni cosa al mondo si evolve. E anche il calcio si evolverà. Cosi come altri sport. Anche il calcio di adesso è un altro sport rispetto al calcio anni trenta che era un altro sport rispetto al calcio anni ottanta. Con ritmi diversi, filosofie diverse e tempistiche diverse. Tutto è in evoluzione e il calcio non puo’ esserne esente. L’introduzione della Var è stato un forte cambiamento, ma era inevitabile. Come è inevitabile l’avvento della tecnologia in tutti gli aspetti della vita. Il calcio, come il mondo, continuerà a cambiare. E si arriverà al tempo effettivo. E dopo qualche anno cambieranno gli atteggiamenti dei giocatori. Ci si adegua alla nuova realtà. Tutto è in constante evoluzione. All’inizio dell’introduzione della Var è stato un bordello. Ricordo ancora i giocatori che la invocavano ad ogni situazione. Se ci pensi ora non la invocano piu’. Sanno che non possono farlo. Adesso per un episodio Var si perdono preziosi minuti. Tra 10 anni saranno secondi. E’ il tempo necessario ad adattarsi al cambiamento. Il tempo effettivo è inevitabile che avverrà. Come d’altronde il fuorigioco elettronico. Se si ha la tecnologia perchè non accellerare? Prima si cambia prima ci si adeguerà al cambiamento. La Var è stata un evoluzione non un involuzione. E tra 10 anni tutti lo capiranno. Tra 30 anni tutti capiranno la successiva evoluzione indotta dal tempo effettivo o dal fuorigioco elettronico. E’ nel naturale evolversi dello sport. Bisognerebbe essere lungimiranti e carpire in anticipo dove il mondo e la tecnologia ci possono portare.

Ricevi aggiornamenti tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere via e-mail le notifiche di nuovi articoli.

Di Giulio Giorgetti

Commenti recenti

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Altri siti